GUERRA
OI MARE MA'
CORE NIRE
BARCAROLA
VIANDANTE
BALLATA DEL RE
BALLATA DEL UALLARINIO
DON RAFFAE'
SUONNO
CANTO DEI SANFEDISTI
SE DIMANE JE MURISSE
GUERRA
ESCALIENTO


Per aquistare questo CD: www.maroccomusic.com 
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
OI MARE MA'
(G.Barra/M.Esposito/ P. Cannavacciuolo)

Vinciuta da' sta vita cu te voglio parla'
oi mar mar ma' a te vengo a  prega'

I chi fuje, tu saje i' chi fuje, chi so'...
n'anema perduta tu sulo può salva

no nun me fa muri' nun saccio c'aggia fa'
sanghe strille e curtellate marciappiede, vita, no!

Oi mar mar ma'! Oi mar mar ma'!
Pover, lacrime e denare, tu me le fa scurda'
friddo carcere e turmiente, tu me le fa scurda'

po' si cumparse tu, t'aggia credute, si
t'aggia vulute, si. No, nun me so' sbagliata

tu si' 'o ffuoco, si! 'o ffuoco doce doce
pe' st'anema perduta turnata ancor' a credere 

io te voglio senti'. No, nun adda ferni'
damme, damme ammore mio, damme ancora o paravise

Oi mar mar ma'! Oi mar mar ma'!
Pover, lacrime e denare, tu me le fa scurda'
friddo carcere e turmiente, tu me le fa scurda'

ah chesta vocca si. Ah chistu piette si
luce, ca me salvarra' piglia(te) sta vita mia
a' sto mare mio si' tu e cu te voglio affunna'
luce, ca me salvarra' piglia(te) sta vita mia
a' sto mare mio si' tu e cu te voglio affunna'

Peppe Barra: Voce- Paolo Del Vecchio: Chitarre- Sasà Pelosi: Basso acustico- Ivan Lacagnina: Percussioni- Giuseppe Fiscale: Tromba- Lino Cannavacciuolo: Violin zeta 5 corde - Registrato al Clacson records Napoli da Mario Simeoli- Ass. Pino Fontana- Missato  al Clacson records Napoli da Mario Conte- Ass. Pino Fontana
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
CORE NIRE
( P.Trampetti, P. Cannavacciuolo)

E cammina 'stu core mio
e scavalca mare e desierte, cammina sempe
ce sta viento o se stuta o' sole
cu o' cchiu' peggio do tiempo e cu' ferite aperte
Curre core mio curre, curre e nun te ferma' cchiu'
Curre core mio curre, curre e nun te ferma' cchiu'

e o' pensiero cammina appriesso
e le fa d' accumpagnamento cammina sempe
ca chitarra e cu mandulino
canta ammorre 'stu core chino e' suntimento
ah! Brucia 'stu core comme a 'na cannela
ah! nuttata 'e stelle 'ncielo senza luna

Suspire perdute pe' niente
so' suonne e' sta vita passata
pensiere, pensiere sultanto
'stu core vo' pace pe' sempe

E cammina 'stu core mio
e scavalca mare e desierte, cammina sempe
ce sta viento o se stuta o' sole
cu o' cchiu' peggio do tiempo e cu' ferite aperte
ah! Brucia 'stu core comme a 'na cannela
ah! nuttata 'e stelle 'ncielo senza luna

Suspire perdute pe' niente
so' suonne e' sta vita passata
pensiere, pensiere sultanto
'stu core vo' pace pe' sempe

Peppe Barra: Voce-Valentina Stella: Voce- Gianni Perilli: Ciaramelle- Umberto Cannavacciuolo: Trombe- Daniele Parascandolo: Batteria- Pasquale Punzo: Chitarra elettrica- Paolo Del Vecchio: Buzuki- Ivan Lacagnina: Percussioni- Lino Cannavacciuolo: Violin zeta, kemanchè, sintetizzatori, piano Fender, programming - Registrato al Clacson records Napoli da Mario Simeoli- Ass. Pino Fontana eccetto chitarre e batterie registrati al Wavestudio Napoli da Mario Conte, Max Poni- Missato al Rock studio- Roma da Mauro Laficara- Mario Conte
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
BARCAROLA

(Anonimo/ Riel. G.Barra/ P.Cannavacciuolo)

Vi' quant'è bella ll'aria de lu mare
nun me ne dice core de partire.
Ce sta 'na figlia de nu' marenare
tanto ch'è bella ca me fa morire.
Nu' juorno me ce voglio arresecare
'ncoppa a la casa soia voglio saglire.
Tante la voglia astregnere e vasare
lasseme amore mio c'aggio paura.
Tu jesce la dumenica d'a casa
mamma va a la messa e io resto sola
eccote la dumenica mattina
arapeme nenna mia mo' è chell'ora.
Ce si vvenuto giuvinotto armato
piglia la spada piglia la spada
piglia la spada e cumbatte l'ammore
Vi' che te fanno l'uommene pauruse
Vi' che te fanno l'uommene pauruse
m'ha bella int'o lasciato con paura
Io vido lo viso suo ch'era cambiato
ma n'ata vota che te trovo sola
ma n'ata vota che te trovo sola
o viva o morta nun te lasso maje.

Peppe Barra: Voce- Ernesto Vitolo: Tastiere- Roberto D'Aquino: Stick- Ivan Lacagnina: Percussioni- Gino Evangelisti: Mandolino, oud, bottiglia- Paolo Del Vecchio: Chitarre- Luciano Russo: Clarinetto- Lino Cannavacciuolo: Violin zeta 5 corde- Mario Conte: Add. programming - Registrato al Clacson records Napoli da Mario Simeoli- Ass. Pino fontana- Missato  al Clacson records Napoli da Mario Conte- Ass. Pino fontana
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

VIANDANTE
(P.Trampetti, V.Mercurio)

'O Viandante conta ll'ore tene o' cielo pe' patrone
cu nu libro antico mmano fa nu ggiro atturno o' sole
L'anno è accuminciato ggià e na stella se ne va'
se ne va' cumm'a nu suonno chi sa quannne turnerra'
chi sa' quanne turnarà e' na storia senza età
senza tiempo e senza viento e' na storia senza eta' 
  'O Viandante conta ll'ore tene o' cielo pe' patrone
cu nu libro antico mmano fa nu ggiro atturno o' sole

Legge o' libbro dei pensieri camminann senza meta
e pennsanne sempe a  luna parla cumm'a nu poeta
O viandante passa e va' chissà quanne turnarrà
senza tiempo e senza viento e' na storia senza età
  'O Viandante conta ll'ore tene o' cielo pe' patrone
cu nu libro antico mmano fa nu ggiro atturno o' sole

Peppe Barra: Voce- Ernesto Vitolo: Tastiere, programming- Luciano Russo: Clarinetto- Claudio Di Cataldo: Fisarmonica- Gino Evangelisti: Chitarra portoghese, percussioni, flauto- Paolo Del Vecchio: Chitarre-Sasà Pelosi: Basso acustico- Ivan Lacagnina: Percussioni- Lino Cannavacciuolo: Violino
Registrato al Clacson records Napoli da Mario Simeoli- Ass. Pino Fontana- Missato al Clacson records Napoli da Mario Simeoli - Mario Conte- Ass. Pino Fontana
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

BALLATA DEL RE
(P. Sarno, P.Trampetti, P.Cannavacciuolo)

Steva 'na vota 'nu rre, anze ne stevano dduje
ca po' salute a nuje parevano quasi tre...!
principi e principesse e fate, uorchi e urchesse
uommene malandrine femmine cullumbrine

e tutti alleramente nobbele e lazzarune int' a 'stu casalone 
addo' chi tene a mente, chi ride e chi pazzea e chi s'addubechea 
addo' chi va, chi resta, chi pensa che sta festa nun po' ferni' mai cchiu'

fu quanno steva o' rre, anze ne stevano dduje
ca po' salute a nuje parevano quasi tre...!
Fu quanno all'intrasatta chiuvettero cunfiette
e 'a ggente s'abbuffaje pe' tanto ca magnae

Fu quanno bell'e bbuono ca dinte a 'nu frastuono' 
e mille voci 'ncoro spuntaje 'nu sole d'ore
Certo però ca fuje quanno 'nce steva o' rre, 
anze ne stevano dduje ca po' salute a nuje parevano quasi tre...!

Peppe Barra: Voce- Luciano Russo: Clarinetto- Claudio Di Cataldo: Fisarmonica- Paolo Del Vecchio: Chitarre- Sasà Pelosi: Basso acustico- Ivan Lacagnina: Percussioni- Lino Cannavacciuolo: Violino- Gigi Fiscale: Rullante - Registrato al Clacson records Napoli da Mario Simeoli- Ass. Pino Fontana- Missato al Clacson records Napoli da Mario Conte- Ass. Pino Fontana
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

BALLATA DEL UALLARINIO

(G.Barra/ P.Trampetti)

Questa è la vera storia del Uallarinio, ovvero sia il tacchino
una storia traumaturgica e casuals. Il uallarinio s'innamorò
perdutamente e sessualmente di unan pollanchella, ma scoprì
che invece era un pollo, travestito da pullanchella, ada questa
unione nacque un pulcino e lo chiamarono pio, pio. Ma, la
perfida tortorella glu, glu, glu subbentrò in questa famiglia e la
rovinò, la spiattellò, la schiumò, la sputtanò...si...si..si....si! 
Ma ah, ah, ah, chiamarono gallo il famoso chicchirichi di Arzano 
il quale corse e violentò, rubacchiò, stiracchiò e s'impadronì di
tutto... perchè... perchè era amico di un prevetariello, il quale, 
piccolo prete, ear amico appassionatamente e se la faceva con
margaretella, la più bella ciaccarella di Melito. Ma la storia finì
bene, perchè tutti insieme, nelle strade di Secondigliano, cantarono
allegramente nella vecchia fattoria ..a... ..a.. ..ah! ..ia.. ..ia... ..oh!! 

A jere 'ssera oj nè, jett' 'o mercato embè truvaje na pullanchella janca e rossa comm' à cchè
O Uallarino crò, crò, crò, a pollanchella coccodè
A jere 'ssera oj nè, jett' 'o mercato embè truvaje nù pullicino piccirillo comm' à cchè
O Uallarino crò, crò, crò, a pollanchella coccodè, o' pullicino pio, pio, pio
A jere 'ssera oj nè, jett' 'o mercato embè truvaje na turturella janca e bella comm' à cchè
O Uallarino crò, crò, crò, a pollanchella coccodè, o' pullicino pio, pio, pio, a turturella glu, glu, glu
A jere 'ssera oj nè, jett' 'o mercato embè truvaje nu bello gallo cantatore comm' à cchè
O Uallarino crò, crò, crò, a pollanchella coccodè, o' pullicino pio, pio, pio, a turturella glu, glu, glu
o gallo canta chicchirichì.
A jere 'ssera oj nè, jett' 'o mercato embè truvaje nu prevetariello ca benericeva à mme
O Uallarino crò, crò, crò, a pollanchella coccodè, o' pullicino pio, pio, pio, a turturella glu, glu, glu
o gallo canta chicchirichì, o' prevetariello ora pro nobis
A jere 'ssera oj nè, jett' 'o mercato embè truvaje a Margaritella che era bbella comm' à cchè
O Uallarino crò, crò, crò, a pollanchella coccodè, o' pullicino pio, pio, pio, a turturella glu, glu, glu
o gallo canta chicchirichì, o' prevetariello ora pro nobis, Margaritella se sposa a 'mme.
Prevetariello se sposa cu tte.  Margaritella se sposa a 'mme. Prevetariello se sposa cu tte.

Peppe Barra: Voce- Paolo Del Vecchio: Chitarre, buzuki- Sasà Pelosi: Basso acustico- Ivan Lacagnina: Percussioni- Lino Cannavacciuolo: Violino
Registrato al Clacson records Napoli da Mario Simeoli- Ass. Pino Fontana- Missato  al Clacson records Napoli da Mario Conte-Lino Cannavacciuolo- Ass. Pino Fontana
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

DON RAFFAE'
(F.De Andrè)

Io mi chiamo Pasquale Cafiero e son brigadiero del carcere oinè
io mi chiamo Cafiero Pasquale sto a Poggioreale dal '53
e al centesimo catenaccio alla sera mi sento uno straccio
per fortuna che al braccio speciale c'è un uomo geniale che parla co' mme.
Tutto il giorno con quattro infamoni briganti, papponi, cornuti e lacchè
tutte ll'ore co' 'sta fetenzia che sputa minaccia e s' 'a piglia co' mme
ma alla fine m'assetto papale mi sbottono e mi leggo 'o ggiurnale
mi consiglio con don Raffaè mi spiega che penso e bevimm' 'o ccafè.
Ah, che bellu ccafè sulo 'n carcere 'o sanno fà
co' 'a recetta ch'a Cicirinella compagno di cella ci ha dato mammà.

Prima pagina venti notizie ventuno ingiustizie e lo Stato che fa
si costerna, s'indigna, s'impegna poi getta la spugna con gran dignità.
Mi scervello. mi asciugo la fronte per fortuna c'è chi mi risponde
a quell'uomo sceltissimo e immenso io chiedo consenso, a don Raffaè.
Un galantuomo che tiene sei figli ha chiesto una casa e ci danno consigli
l'assessore che Dio lo perdoni 'ndentro 'a roulotte ci alleva i visoni.
Voi vi basta una mossa, una voce c'a `stu Cristo ci leva 'na croce.
Con rispetto, s'è fatto le tre vulite 'a spremuta o vulite 'o caffè?
Ah, che bellu ccafè sulo 'n carcere 'o sanno fà
co' 'a recetta ch'a Cicirinella compagno di cella ci ha dato mammà
Ah, che bellu ccafè sulo 'n carcere 'o sanno fà 
co' 'a recetta di Cicirinella compagno di cella precisa a mammà

`Cca ci sta l'inflazione, la svalutazione e la borsa ce l'ha chi c'è l'ha
io non tengo compendio che chillo stipendio è un ambo se sogno a papà
Aggiungete mia figlia Innocenza vuò 'o marito, nun tiene pazienza
non vi chiedo la grazia pé 'mmè vi faccio la barba o la fate da sè?
Voi tenete un cappotto cammello che al maxi-processo eravate 'o cchiu bello,
un vestito gessato marrone così ci è sembrato alla televisione
pe `ste nozze vi prego Eccellenza mi prestasse pé ffare presenza
io già tengo le scarpe e 'o gilè gradite 'o Campari o vulite 'o ccafè?
Ah, che bellu ccafè sulo 'n carcere 'o sanno fà
co' 'a recetta ch'a Cicirinella compagno di cella ci ha dato mammà.
Ah, che bellu ccafè sulo 'n carcere 'o sanno fà
co' 'a ricetta di Cicirinella compagno di cella preciso a mammà.

Qui non c'è più decoro, le carceri d'oro ma chi ll'ha mai viste, chissà
cheste sò fatiscenti pé cchisto 'e fetienti si tengono l'immunità
don Raffaè voi politicamente io vi giuro sarebbe 'nu santo
ma a'cca dinto voi state a pagà e fora chist'atre se stanno a spassà.
A proposito, tengo nu frate che da quindici anni sta disoccupato
chillo ha fatto cinquanta concorsi novanta domande e duecento ricorsi
voi che date conforto e lavoro, Eminenza, vi bacio e v'imploro
chillo dorme cu mamma e cu mme che crema d'Arabia ch'è cchistu ccafè.

Peppe Barra: Voce- Tommaso Costagliola: Putipù, triccaballacche- Gigi Fiscale: Rullante, scetavajasse- Giuseppe Fiscale: piatti- Ivan Lacagnina: Grancassa, tammorra- Lino Cannavacciuolo: Rullante, violin zeta, trombettelle- Luigi Pelosi: Tromba- Mario Conte: Trombetelle, programming, sintetizzatore - Registrato al Clacson records Napoli da Mario Simeoli e al Wavestudio da Mario Conte- Ass. Pino Fontana- Missato al Wavestudio Napoli da Mario Conte
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

SUONNO

(G.Barra/M.Esposito/ P. Cannavacciuolo)
Suonno, Suonno Suonno, Suonno.
Oh suonno, oh suonno sante c'harrive vulimme o nun vulimme,
Oh suonno, suonno, suonno ca te ne parte all'uriente, e nun t'avvence povero o putente
Oh suonno sante fermate cchiu' assaje 'ncopp' 'a 'staggente
e fujetenne primma a copp' 'a ll'uocchie del combattimento.
Oh suonno, vienece suonno, nun fa addormì chi ce vo' bbene, nun fa addormi' chi ce prutegge.
Oh suonno sante chille ca te chiàmmano, so chille ca male nun vonno
stiènne sta mano e accuntentale: Si fanno male tiène ferme pure mamma carnale...
si so' nnire e so' dolori... mamme, pate... Nchiùdele l'uocchie doce doce
Nchiùdele l'uocchie doce doce. Nchiùdele l'uocchie doce doce. Nchiùdele l'uocchie doce doce.
Nchiùdele l'uocchie doce doce, comm' 'e nchiudiste a gesùcristo 'ncroce.

Peppe Barra: Voce- Marie Stephane Bernard: Voce soprano- Faraualla: Cori- Paolo Del Vecchio: Chitarra- Roberto D'Aquino: Basso elettrico- Ivan Lacagnina: Tammorre- Gino Evangelisti: flauto-Lino Cannavacciuolo: Violin zeta, programming- Mario Conte: Add programming - Registrato al Clacson records Napoli da Mario Simeoli- Ass. Pino Fontana- Missato al Clacson records Napoli da Mario Conte- Ass. Pino Fontana
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

CANTO DEI SANFEDISTI
(Tradizionale)


A lu suono de grancascia viva lu popolo bascio
A lu suono de tamburrielli so' risorte li puverielli
A lu suono de campane viva viva li pupulane
A lu suono de viuline morte alli Giacubbine.
Sona sona sona Carmagnola sona li cunsiglia viva o rre cu la Famiglia.
A sant'Eremo tanta forte l'anno fatto comme’’a ricotta
A stu curnuto sbrevognato l'hanno mis’’a mitria 'ncapa
Maistà chi t'ha traduto chistu stommaco chi a avuto
'e signure e cavaliere te vulevano priggiuniere.
Sona sona sona Carmagnola sona li cunsiglia viva o rre cu la Famiglia.
Alli tridece de giugno sant'Antonio gluriuso
E signure sti birbante e facettero o mazzo tante
So' venute li Francise aute tasse n'ci hanno mise
Liberté... Egalité... io arruobbo a te tu arruobbe a me.
Sona sona sona Carmagnola sona li cunsiglia viva o rre cu la Famiglia.
Li francise so' arrivate ci hanno bbuono carusate
E vualà e vualà cavece 'n culo alla libbertà
Addò è gghiuta onn'eleonora c'abballava n' copp''o mercato
mò abballa miez''o mercato n'zieme cu mastu donato
Sona sona sona Carmagnola sona li cunsiglia viva o rre cu la Famiglia.
A lu muolo senza guerra se tiraie l'albero n' terra
afferraino 'e giacubbine 'e facettero 'na mappina.
E’ fernuta l’uguaglianza è fernuta la libertà
pe ‘vuie so’ dulure e panza signò iateve a cuccà
Sona sona sona Carmagnola sona li cunsiglia viva o rre cu la Famiglia.

Peppe Barra: Voce- Paolo Del Vecchio: Chitarre- Sasà Pelosi: Basso acustico- Ivan Lacagnina: Tammorre- Pasquale Punzo: Chitarra elettrica- Lino Cannavacciuolo: Violin zeta 5 corde- Lino, Paolo, Ivan, Sasà, Rocco, Elio e Mario Simeoli: Cori
Registrato al Clacson records Napoli da Mario Simeoli- Ass. Pino Fontana eccetto chitarre el. e Violin z. registrati al Wavestudio Napoli da Mario Conte- Missato al Rock studio- Roma da Mauro Laficara- Mario Conte
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

SE DIMANE JE MURESSE

(F.lli Mancuso) Trad. in napoletano di G.Barra

Se dimane je muresse e lu ciato me mancasse a e cicate lassaria st'uocchie mie nire nire
a sti poveri maronna ca nun veren luntano e ca pe disgraziaa llore so' rimaste 'ncatenate
Se dimane je muresse e lu sanghe se fermasse cheste mmane lassaria a chi e' tene ncatenate
a chi e' stato abbandunate rinte o' funno e na' galera, a chi a ritt ca' una sola, una è la giustizia vera
Se dimane je muresse e ca' capa nun ce' stesse, chist core rimanesse a chi è triste e scunsulato
a chi e' stato abbandunato comme a cristo marturiato senza croce senza storia, senza la divina gloria
Se dimane je muresse e stu munno me scurdasse st'arma mia sa' pigliasse chist'ammore scunsulate
chist'ammore ca pe sempe, sempe perso aggio pensatee e ca freve e la speranza guagliuncelle aggio chiagnute.

Peppe Barra: Voce- Paolo Del Vecchio: Chitarre- Sasà Pelosi: Basso acustico- Lino Cannavacciuolo: Viola, violin zeta, tastiere- Vladimir Kocaqi: violoncello - Registrato al Clacson records Napoli da Mario Simeoli- Ass. Pino Fontana- Missato  al Clacson records Napoli da Mario Simeoli- Mario Conte- Ass. Pino Fontana
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

GUERRA
(G.Barra/ D.Jacobelli/ P. Cannavacciuolo)

A guerra songh'io, a guerra songh'io
Io song'o cunfine, a guerra songh'io
I' l'aggio pensata, i l'aggio vuluta
m'è nata int'o core, me l'aggio sunnata
E song'io ca me ne moro e so stato io a sparà
a
guerra songh'io, chi allucca songh'io, sul'io
I song'o cannone 'o missile e a nave
Pecchè a guerra è semp'a stesso, semp'a stessa: è chesta cchà
Io song'e creature a terra bruciata

Ammore e sesso ce fanno paura a pranzo int'e Tv e vire e murì
A guerra songh'io, stu sangh'è do mio
stu munno songh'io, sul'io

Peppe Barra: Voce- Sasà Pelosi: Basso acustico- Luca Canciello: chitarre - Lino Cannavacciuolo: Violin zeta 5 corde, tastiere- Ivan Lacagnina: percussioni-Mario Conte:Sintetizzatori programming-Registrato al Wavestudio Napoli da Mario Conte- Missato al Rock studio- Roma da Mauro Laficara- Mario Conte
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
ESCAGLIENTO

(G.Dabirèe/G.Barra/ P. Cannavacciuolo)

Jesce sole
ca tu si patrone
ca salvi e puverielli
da la guerra e da turmienti
cento cinquanta tutta la notte canta
canta viola lu masto de scola
     masto masto mannancienne presto
     ca scenne masto Tieste
     cu lanza cu spada
     cu l'aucielle accumpagnata
sona sona zampugnella
ca t'accatta la vunnella
la vunnella de scarlato
si nun sona te rompo la capa.
     Nun chiovere
     nun chiovere
ca aggia ire a movere
a movere lu grano
de masto Giuliano
     Masto Giuliano
     manname na lanza
ca aggia ire in Franza
da Franza a Lombardia
dove stà madama Lucia
     nun chiovere
     nun chiovere
jesce jesce sole.

Gabin Dabirèe: Voce- Marie Stephane Bernard: Voce soprano- Peppe Barra: Voce- Gianni Perilli: Zampognetta, ciaramella- Roberto D'Aquino: Stick- Mario Simeoli: Percussioni elettroniche- Lino Cannavacciuolo: Violino, tastiere, kemanchè, programming, archi - Registrato al Clacson records Napoli da Mario Simeoli- Ass. Pino Fontana- eccetto voce Gabin Dabirèe registrata al Flyng studio Napoli-Missato al Clacson records Napoli da Mario Simeoli-Ass. Pino Fontana


Dall'album Guerra è stato estratto il 12 pollici "Core Nire"

CORE  NIRE 
(12" Maxi)

Media: MAX
Label: temposphere/i
Released: 2/2003
item: B150426
catalog: TSPH 0901MX